Osteopatia e fascite plantare

28 novembre 2014
Comments: 2
28 novembre 2014, Comments: 2

Diagnosi e gestione della fascite plantare.

Fascite PlanrateAbstract:

La Fascite plantare è un processo degenerativo cronico che causa dolore nella zona plantare mediale del tallone, responsabile di circa 1 milione di visite mediche ogni anno. Caratterizzata da un’esperienza di dolore più intenso durante i primi passi della giornata o dopo una periodo prolungato di stazionamento in posizione eretta. Gli autori forniscono una panoramica delle metodiche diagnostiche e della gestione di un problema comune riscontrato nell’ambito delle cure primarie, attraverso la pratica Osteopatica. Nel complesso, la fascite plantare porta ad una buona prognosi quando i pazienti utilizzano una combinazione di diverse modalità di trattamento conservativo. Di tanto in tanto, rivolgersi ad un Osteopata Professionista può essere necessario.

© 2014 L’American Osteopathic Association.

fascite plantare manipolazione


Thompson JV 1, Saini SS 1, Reb CW 1, Daniel JN 2.: 25429080 [PubMed – in corso]

 

Journal of American Osteopathic Association 2014 Dec; 114 (12): 900-6.doi: 10,7556 / jaoa.2014.177.

2 responses on “Osteopatia e fascite plantare

  1. Fausto Le Piane ha detto:

    …….. di tanto in tanto rivolgersi all’osteopata, certo che può esser necessario, ma non risolutivo perché il paziente sarà continuamente dipendente dai trattamenti ricevuti e rimarrà sempre un soggetto passivo.
    La fascite però è una brutta bestia e quando ti capita …….
    Secondo me, con le esperienze acquisite nell’insegnamento dell’osteopatia strutturale, affiancherei al primo trattamento anche un semplice programma di automanipolazione che il paziente potrà eseguire a casa:
    – solo per pochi minuti al giorno, anche rateizzati nell’arco della giornata
    – in assenza completa di dolore
    Ciò servirebbe a mantenere nel tempo l’efficacia del trattamento e aiutare il corpo ad attivare le sue capacità di autoguarigione.
    In poche parole il paziente diventa osteopata di se stesso.
    Infine per quanto riguarda il tipo di trattamento ( cosa si deve fare) potrebbe essere un altro argomento di conversazione.
    Tutto si può migliorare e l’osteopatia è costantemente alla ricerca di vie nuove.

    • echiggiato ha detto:

      Grazie Fausto, concordiamo con te in pieno anche sull’ultima frase che riproponiamo: “…l’osteopatia è costantemente alla ricerca di vie nuove!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci − sei =

Per maggiore sicurezza, inserisci la risposta: *