Percepire la quiete per contattare le forze di guarigione (post graduate)

16 maggio 2016
Comments: 0
16 maggio 2016, Comments: 0

L’autoguarigione del paziente è l’obiettivo ultimo dell’intervento di un osteopata. Per stimolarla, sulla scorta degli insegnamenti di W.G. Sutherland e R. Becker, il dott. Vincenzo Cozzolino, MD, D.O. M.ROI, ha elaborato un approccio osteopatico fondato sulla percezione della “quiete” che genera il movimento. L’Istituto Osteopatico Fulcro si è reso promotore di questo approccio invitando il dott. Vincenzo Cozzolino nell’ambito del suo corso post graduate “Il movimento presente e la quiete”, che si terrà in sede a Monastier (Treviso) dal 19 al 22 giugno.

La scelta del Fulcro di ospitare il post graduate “Il movimento presente e la quiete” nasce con l’intento di fornire agli osteopati strumenti evoluti e raffinati per il trattamento del paziente, come racconta il direttore didattico dell’Istituto, dott. Gianluca Falcone:


“Nella mia pratica osteopatica mi sono spesso interrogato sul fatto di dover ricercare sempre e comunque la salute del paziente, come affermava in una storica dichiarazione il dottor Still, probabilmente intendendo la naturale tendenza di ogni organismo biologico all’autoguarigione.

Sutherland descrisse il Meccanismo Respiratorio Primario (MRP) come mosso da forze esterne, che chiamò “Respiro o Soffio di Vita”.

Questa forza esterna, che determina anche la dinamica evolutiva durante lo sviluppo embrionale, è sempre presente nell’organismo umano, anche all’interno di strutture in disfunzione.

L’approccio a questi movimenti presenti (intrinseci) permette alle forze autoregolatrici del paziente di emergere e dettare i tempi della salute e della guarigione.

È per questo motivo che l’osteopata deve innanzitutto imparare a “osservare” la globalità del corpo per percepire i suoi ritmi, mettendosi in contatto con quelle forze di guarigione indispensabili alla vita.”


Le iscrizioni al corso post graduate “Il movimento presente e la quiete” si chiuderanno martedì 31 maggio. I posti sono limitati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × tre =

Per maggiore sicurezza, inserisci la risposta: *