GLI OBIETTIVI

gaPer diventare un osteopata professionista l’ordinamento a tempo pieno è il percorso didattico-formativo completamente dedicato a tutti coloro che sono in possesso di un diploma quinquennale di scuola media superiore o titolo estero equipollente.

Il percorso di studi fornisce allo studente le basi scientifiche e una preparazione pratico-clinica che accompagnerà il futuro osteopata a un alto livello di autonomia professionale, decisionale e operativa.

L’iter scolastico prevede:
  1. lo studio delle scienze fondamentali di base;
  2. lo studio della materia osteopatica;
  3. lo studio delle materie mediche tradizionali e non convenzionali.

 

Sono previste materie quali:

  – Chimica, biochimica, fisica;Lezione frontale in aula 1° anno

  – Istologia, embriologia, biologia;

  – Anatomia, fisiologia, patologia;

  – Psicologia clinica, scienza della nutrizione, farmacologia;

  – Studio dei principi e della filosofia osteopatica, storia della    medicina;

  – Osteopatia in ambito strutturale (ambito muscolo-scheletrico-articolare);

  – Osteopatia in ambito cranio-sacrale e miofasciale;

  – Osteopatia in ambito viscerale;

  – Anatomia topografica, palpatoria, funzionale;

  – Laboratorio d’inglese;

Oltre allo studio teorico, il vero cardine del nostro insegnamento sarà il tirocinio osteopatico e clinico-medico ospedaliero, oltre a esercitazioni di pratica palpatoria.

Pratica Sono previste infatti numerose ore di attività pratiche attraverso metodiche ed esercizi specifici guidati (“Handling Palpatorio Percettivo”), per allenare e sviluppare la capacità manuale palpatoria, così da integrarla con le conoscenze medico-scientifiche.

Tali competenze teorico-pratiche sono necessarie per redigere una corretta diagnosi funzionale osteopatica e per un uso efficace delle tecniche durante l’esecuzione manuale.

Come Istituto vogliamo guidare lo studente “passo passo” in questo delicato percorso di crescita personale e professionale, tenendo presenti le necessità individuali, affrontando assieme all’allievo le eventuali difficoltà che si dovessero presentare.

Lo studente nel corso dei 5 anni imparerà:

  1. “ll corpo umano”, il suo funzionamento e le principali patologie;
  2. I principi e la filosofia osteopatica;
  3. Ad acquisire la capacità di effettuare un’appropriata diagnosi funzionale osteopatica, escludendo le patologie che non rientrano nell’ambito osteopatico;
  4. A impostare un programma terapeutico osteopatico e imparare la gestione del paziente;
  5. A sviluppare una capacità manuale palpatoria per effettuare i PALPAZIONEnumerosi test di mobilità delle diverse strutture;
  6. A sviluppare una capacità manuale palpatoria per utilizzare in maniera efficace e in totale sicurezza le tecniche osteopatiche;
  7. A sapersi relazionare e collaborare con le altre figure dell’ambito sanitario;
  8. A portare l’attenzione sullo strumento di lavoro fondamentale per gli osteopati…le mani…fino a “pensare anche con le dita”;

PERCORSO DIDATTICO FORMATIVO

L’ISTITUTO OSTEOPATICO FULCRO propone un Corso con Ordinamento a Tempo Pieno di 5 anni, durata minima per conseguire il Diploma di Osteopatia.

OMS

La scuola aderisce ai criteri formativi dall’OMS e dal FORE seguendo le direttive europee nella formazione in osteopatia (European Framework for Standards of Osteopathic Education & Training).

Offre quindi una preparazione generale conforme agli standard europei seguendo le indicazioni dell’OMS per il benchmark per la formazione osteopatica .

La formazione fa riferimento al Sistema dei Crediti Formativi Universitari (C.F.U.), lo strumento che rappresenta l’unità di misura del lavoro richiesto allo studente per una completa attività formativa. Fanno parte del sistema “ECTS” (European Credit Transfer System).

Il sistema dei Crediti Formativi Universitari pone come obiettivo la quantificazione del carico di lavoro complessivo, articolato materia per materia, richiesto allo studente.

Con carico di lavoro s’intendono le ore di lezione e di studio necessarie alla preparazione dell’esame.


Ore e CFU

Il percorso di studio prevede un totale di:

  • 4404 ore per l’intera formazione
  • fino a 1000 ore di tirocinio clinico
  • 280 ore di preparazione alla tesi

Il piano di studi corrisponde a 342 crediti totali formativi universitari (CFU) suddivisi in:

  • Materie di base generali per la formazione osteopatica: 485 ore di 60 minuti corrispondenti a 48,5 CFU;
  • Materie caratterizzanti le discipline osteopatiche: 1925 ore di 60 minuti corrispondenti a 165,5 CFU;
  • Materie di base mediche generali e specialistiche per la formazione osteopatica: 658 ore di 60 minuti corrispondenti a 67 CFU;
  • Materie di ricerca: 336 ore di 60 minuti (incluso lavoro individuale per progettazione tesi) corrispondenti a 21 CFU;
  • Materie professionalizzanti (tirocinio clinico osservazionale e pratico): 1000 ore di 60 minuti corrispondenti a 40 CFU
Le attività

Le attività didattico-formative e professionalizzanti sono suddivise in:

  • Corso Magistrale o Lezione ex cathedra: lezione frontale riguardante specifici argomenti tenute da docenti inseriti nel contesto universitario, ospedaliero e da professionisti osteopati, eventualmente assistiti nelle ore di pratica da assistenti;
  • Lavoro Pratico Formativo: insegnamento della pratica osteopatica, con apprendimento dei tests e delle tecniche da utilizzare sui diversi distretti corporei con lo scopo di acquisire le conoscenze riguardo alla metodologia diagnostica, alla valutazione e all’interpretazione della patologia funzionale osteopatica;
  • Attività Didattica Tutoriale: forma di didattica indirizzata in seduta plenaria o a un piccolo gruppo di studenti, effettuata da docenti tutor. Il tutor viene individuato nel docente della materia caratterizzante l’anno in corso;
  • Tirocinio Clinico-Osteopatico Ospedaliero: avviamento al trattamento diretto e alla gestione del paziente all’interno della clinica dell’istituto, seguito e monitorato da docenti tutor qualificati;
  • Tirocinio Osteopatico Personale (Attività Formativa Professionalizzante): attività pratiche di tipo clinico, compiute con autonomia tecnico-professionale (da primo operatore) sotto la guida di osteopati tutor per il raggiungimento di un’autonomia professionale;
  • Lavoro personale: lavoro indipendente e autonomo (a carico dello studente) di studio teorico e di esercitazioni pratiche;
  • Laboratorio linguistico: un vero e proprio corso di lingua.

Lezioni

Il corso si sviluppa in circa 10 mesi di lezione per anno accademico (da ottobre a giugno dell’anno solare successivo), che si svolgono secondo un calendario prestabilito.

Ogni settimana prevede 3 giorni di lezione consecutivi (dal lunedì al mercoledì), con il seguente orario:

  • Lunedì         8,30-10,20/10,30-12,30         14,00-15,50/16,00-18,00
  • Martedì      8,30-10,20/10,30-12,30         14,00-15,50/16,00-18,00
  • Mercoledì  8,30-10,20/10,30-12,30         14,00-15,50/16,00-18,00

Esami

Per ogni anno di corso sono previsti gli esami teorico-pratici (prove orali, prove scritte e prove pratiche a seconda della materia d’insegnamento) relativi alle materie dell’anno in corso secondo una calendario stabilito dalla Commissione Didattica, da sostenere in:

  1. Tre sessioni di appelli ufficiali, durante le quali è possibile sostenere tutti gli esami dei corsi terminati nell’anno scolastico in essere e gli esami non superati o non sostenuti negli appelli precedenti;
  2. Due sessioni di Pre-appelli dove è possibile sostenere anticipatamente gli esami dei corsi appena terminati dell’anno scolastico in corso;

Ulteriori appelli saranno stabiliti eventualmente (e in casi straordinari) dalla commissione didattica.

Gli esami vengono effettuati di fronte a commissioni interne ed è necessario il loro superamento per l’ammissione all’anno di corso successivo. La votazione si esprime in trentesimi.

Alla fine del quinto anno oltre agli esami interni alla scuola e a una prova clinica professionalizzante su paziente è prevista la realizzazione e la discussione di una tesi conclusiva.


Tirocinio

SegnaleticaGiovanni23Il tirocinio pratico è svolto in orario extra-scolastico presso la Casa di Cura Giovanni XXIII, presso strutture accreditate dalla Scuola e/o presso studi professionali di osteopati scelti dagli studenti dopo valutazione della commissione didattica della scuola stessa. Il tirocinio guidato da docenti tutor è diviso in:

  • 1° anno tirocinio osservazionale: 50 ore obbligatorio
  • 2° anno tirocinio osservazionale-pratico: 100 ore obbligatorio
  • 3° anno tirocinio pratico-clinico: 200 ore obbligatorio
  • 4° anno tirocinio pratico-clinico: 300 ore obbligatorio
  • 5° anno tirocinio pratico-clinico: 350 ore obbligatorio

 

Il tirocinio prevede inoltre l’obbligo di effettuare almeno 50 prime visite.

Sussiste l’obbligo di frequenza per almeno il 70% delle lezioni. Assenze maggiori non consentono l’iscrizione all’anno successivo.

Non sono ammesse assenze superiori al 30% del monte ore complessivo assegnato alla singola materia: ciò non consentirebbe di sostenere l’esame della materia in oggetto.

Il piano di studi prevede lezioni suddivise tra parte pratica e teorica.


Piano di studi

Il programma didattico è costantemente aggiornato ed è suscettibile di cambiamenti in relazione alle direttive dell’OMS e dalle eventuali nuove disposizioni a livello europeo, oltre al parere della Commissione Didattica della scuola.

Ecco l’elenco delle attività formative indispensabili per conseguire il diploma di osteopata:

Scarica l'allegato

Vai

Oltre alla formazione indispensabile alla professione di osteopata l’Istituto organizzerà alcuni corsi integrativi nell’arco dei sei anni di formazione, per ampliare le basi scientifiche e la preparazione professionale del futuro osteopata in accordo con le disposizioni della commissione didattica.


OPPORTUNITA’ PROFESSIONALI

Il futuro è nelle tue mani…

Negli ultimi anni sempre più persone si affidano all’osteopatia per soddisfare i propri bisogni di salute: “mal di schiena”, cefalea o problemi viscerali; difetti posturali in età evolutiva o problemi neonatali; prevenzione dagli infortuni, nel recupero post-trauma o per ottimizzare la propria performance sportiva.

Sono solo alcuni esempi, ma sono innumerevoli i campi d’intervento dell’osteopata, per migliorare lo stato di salute nelle persone nelle varie fasce d’età e/o in presenza di stati patologici importanti.

Gli osteopati solitamente svolgono la loro attività professionale in regime di libera professione, in maniera autonoma o in collaborazione con enti, strutture o istituti rivolti alla cura e alla salute della persona, apportando così il proprio contributo e conoscenza a fianco della “medicina tradizionale”.

Molte società sportive, agonistiche o a livello dilettantistico, includono nei loro staff la figura dell’osteopata. Ugualmente il singolo atleta si affida ai trattamenti manuali osteopatici.

Sempre più medici si dimostrano sensibili e credono all’efficacia dell’osteopatia, prescrivendo e consigliando ai loro pazienti la valutazione osteopatica.

Inoltre molte assicurazioni includono nelle polizze il trattamento osteopatico nei loro piani di rimborso.